Ostetricia a Rovigo

L'ambulatorio ostetrico ginecologico del Dottor Mario Graziano è uno dei migliori centri della zona per quanto riguarda i servizi di visita ostetrica a Rovigo e offre consulenza pre-concezionale. 

Come si struttura il percorso della paziente? In fase di colloquio vengono chiariti il percorso clinico-diagnostico della gravidanza fisiologica e vengono identificati eventuali fattori di rischio materno-fetali. Per le gravidanze definite “a rischio” viene effettuata una pianificazione adeguata di indagini diagnostiche durante il corso dell'intera gestazione.
I controlli periodici della gravidanza vengono eseguiti con cadenza indicata in base ai protocolli del Sistema Sanitario Nazionale. Tali controlli consistono nel colloquio con la paziente riguardante le condizioni generali di benessere e la presa visione degli accertamenti prescritti, nonché una visita clinica, un'ecografia ostetrica e la prescrizione degli esami previsti, della terapia medica e di eventuali ulteriori accertamenti qualora sia necessario.
Il centro di visita ostetrica a Rovigo gestito dal Dottor Mario Graziano è in grado anche di fornire diagnosi prenatale non invasiva e invasiva. Anche questa fase prevede un colloqui conoscitivo, che avviene solitamente durante la prima visita in gravidanza, nel corso del quale vengono presentati alla paziente gli accertamenti diagnostici disponibili per indagare le possibili patologie cromosomiche e/o genetiche e malformazioni nel nascituro.
In seguito a questa fase iniziale vengono proposte le seguenti opzioni diagnostiche in linea con le attuali conoscenze in medicina materno-fetale:

  • Bi-test e valutazione della translucenza nucale
  • Ricerca del DNA fetale su sangue materno
  • Consulenza genetica 
  • Villocentesi
  • Amniocentesi
  • Ecografia ostetrica pre-morfologica
  • Ecografia ostetrica morfologica di I e II livello

Durante il colloquio di diagnosi prenatale la paziente avrà modo di valutare e scegliere le opzioni diagnostiche da effettuare, unitamente ai fattori di rischio e alle esigenze della gravidanza in corso. Garantiamo la collaborazione con strutture sanitarie adeguate in caso le procedure non siano effettuabili presso il nostro ambulatorio.
Effettuiamo ecografie ostetriche (I, II e III trimestre) per monitorare, nel corso dell'intera gravidanza, i benessere del nascituro. Tali controlli vengono garantiti ad ogni visita ostetrica per valutare alcuni parametri di benessere fetale (ad esempio i movimenti fetali ed il battito cardiaco), la biometria per l'accrescimento fetale, la valutazione della placentazione e del liquido amniotico e i parametri materni (misurazione del collo uterino). Ecco le tre fasi principali del percorso che ogni donna in gravidanza compie:

  • Ecografie del primo trimestre: la prima ecografia andrebbe eseguita a 7-8 settimane per la valutazione della sede intrauterina della gravidanza. Tale esame permette la visualizzazione dell'embrione e del battito cardiaco, la valutazione del numero degli embrioni, di stabilire la datazione della gravidanza e la presenza di eventuali patologie genetiche associate (cisti ovariche, Fibromi uterini, endometriosi)
  • Seconda ecografia: la seconda ecografia avviene a 11-12 settimane per la conferma della datazione, la valutazione della morfologia embrionale con valutazione dello spessore della plica nucale (translucenza nucale) e dei soft markers (quando indicato)
  • Ecografia del secondo trimestre: è la cosiddetta ecografia morfologica o morfostrutturale. Tale indagine ecografica viene fissata tra la 19^ e la 21^ settimana di gestazione e prevede sia la valutazione dei parametri di benessere fetale, della biometria fetale e degli annessi fetali (placenta, cordone ombelicale e liquido amniotico), che la valutazione accurata delle strutture anatomiche del feto. Tramite questa indagine è possibile identificare almeno il 40% delle malformazioni comunemente riscontrate alla nascita .
  • Ecografia del terzo trimestre: è l'esame utile alla valutazione dell'accrescimento del feto e si esegue tra la 30^ e la 32^ settimana di gestazione. Tale ecografia, oltre al monitoraggio del benessere fetale e della posizione della placenta oppure della quantità di liquido amniotico, consente di valutare la crescita del feto mediante la biometria. Anche in questo caso vengono rilevate possibili patologie dell'accrescimento fetale o le possibili alterazioni degli scambi utero-placentari.